Frittata con gli strigoli

Erba di campo perenne, dalle foglie tenere, leggermente carnose e dal sapore caratteristico e inconfondibile che ricorda vagamente lo spinacio.
Benchè cresca in tutta Italia è nota solo in Romagna, dove se ne fa un uso assiduo.
Si mangia sia cruda, mescolata all’insalata, che cotta, in frittate, ripieni per pasta e condimenti, a cui dona un sapore dolce e delicato.

Ingredienti

  • 6 uova
  • 250 g di strigoli puliti
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 1 cucchiaio di formaggio grana grattugiato

Preparazione

Lavate e sminuzzate le foglie degli strigoli grossolanamente, tagliandole ma non tritandole, mescolatele in una ciotola insieme alle uova, il sale, il pepe e se lo volete, un cucchiaio di formaggio grana grattugiato.
In una padella soffriggete lo spicchio d’aglio nell’olio, quindi togliete l’aglio e versate il composto precedentemente preparato.
Fate cuocere bene la frittata prima da un lato, poi con l’aiuto di un piatto o di un coperchio girate la frittata e cuocetela anche dall’altro lato.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *