“Il mio giro d’italia” di Jamie Oliver #unlibroalmese

Vi domanderete: “Che ne sa un inglese della cucina italiana ?”
Beh, il libro di cui sto per parlarvi,  è scritto proprio da uno Chef che viene da Londra e che, più che un cuoco, ricorda un musicista Rock. Nel suo libro ho trovato descritta un’Italia vera, quella che amo sentire raccontare.

Jamie Oliver è un cuoco, conduttore televisivo e scrittore di libri di cucina inglese.
Nasce nel Maggio del 1975 a Claverind, nell’Essex.
Ha iniziato a cucinare nel pub ristorante di suo padre ” The Criketers”, mostrando già da bambino un precoce talento culinario e una passione per la creazione di piatti locali, freschi e genuini.
Si iscrive al “Westminister Catering Colleg”.
Nel ristorante di Antonio Carluccio ha imparato ad apprezzare la cucina italiana.
Il suo viso simpatico e  i suoi capelli un pò arruffati hanno raccolto migliaia di fan in tutto il Regno Unito e non solo.
Alla fine degli anni 90 è stato notato dalla BBC che gli ha affidato un programma risultato di grande successo “The Naked Chef”.
Da allora la cucina di Jamie, fatta di cibi semplici, senza pretese e alla portata di tutti, ha raggiunto tutti i canali mediatici: show televisivi, interviste, libri e riviste.
Nel 2005 è andato in onda “Jamie’s Great Italian Escape” un programma in sei puntate sulla cucina italiana trasmesso nel 2011 anche in Italia dal canale Cielo e poi dal canale La Effe.
Jamie è impegnato in prima linea in un progetto di rieducazione alla corretta alimentazione, va per istituti scolastici e fa in modo che nelle mense inglesi e americane si eliminino i cibi non sani (“junk food = junk kids”).
Sostenitore della cucina semplice ed equilibrata, delle ricette stagionali, veloci ed economiche.
Attualmente vive tra Londra e l’Essex con la moglie Julienne e i loro 4 figli.
Proprietario di molti ristoranti, tra cui una catena chiamata “Janie’s Italian”, ristoranti che servono cibo italiano semplice a prezzi ragionevoli.

o-JAMIE-OLIVER-facebook-1024x512
Photo Credit www.jamieoliver.com

L’Italia è stata unificata solo 150 anni fa grazie al vecchio caro Garibaldi e da 27 stati differenti, si è trasformata in una nazione. Una nazione che ha mantenuto le sue diversità nello stile di vita, nelle tradizioni culinarie e nei dialetti.
Ecco perché amo questo paese, capace di dare mille forme diverse ad un pugno di farina, qualche uovo e un po d’acqua.
L’Italia legata alla famiglia e alle tradizioni che mette sempre la cucina ed il cibo al cuore della vita famigliare. Ricordatevi bene … l’Italia, è uno dei pochi paesi che conserva ancora una cultura gastronomica straordinaria, da ricercare nel clima sicuramente favorevole e nelle grandi risorse di cui dispone, ma anche nelle tradizioni e nei valori familiari”.

Jamie Oliver
Photo Credit www.laeffe.tv

Jamie Oliver ha scritto questo libro girando l’Italia, lavorando, mangiando e conoscendo gente nuova attraverso itinerari insoliti.
Così facendo è riuscito a descrivere il cibo dell’Italia vera, rendendo onore alle ricette imparate dalle persone che ha incontrato strada facendo.
Lo fa in modo utile e interessante, con un approccio diverso, nuovo ai nostri cibi e ai nostri sapori regionali; attraverso questo libro, un vero e proprio “ricettario di viaggio”, Jamie racconta a noi italiani la nostra tradizione culinaria, facendocela riscoprire nella sua straordinaria semplicità e nella sua meravigliosa varietà.

Il mio giro d’Italia con 120 ricette accessibili, particolari e splendidamente illustrate, è ricco di calore, senso dell’ospitalità e passione.
Un viaggio unico, grazie al quale riscoprire il sapore autentico della cucina Italiana, arricchito dalla creatività e dalla originalità di Jamie.

Perché come dice Jamie: ” Cucinare deve essere semplice, gustoso e divertente“.

Jamie’s-Italian-Resto
Un tagliere con prodotti 100% Italiani opera di Jamie. Photo Credit www.jamieoliver.com

Se la mia recensione vi ha incuriositi potete acquistare il libro nella vostra libreria di fiducia oppure online con il 15% di sconto.

Aspetto come sempre i vostri commenti.

Coralba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *