Kefir di latte & Granuli di Kefir

I granuli di Kefir, sono un agglomerato di batteri e lieviti residenti all’interno di strutture polisaccaridiche, prodotte dagli stressi batteri.
Questo polisaccaride chiamato Kefiran ospita colonie di batteri e lieviti, contiene circa 0,8 % di acido lattico e più di 30 specie di fermenti.
Si presentano sotto forma di granuli di varie dimensioni, di colore variabile tra il bianco e il giallo.
Il Kefir infatti è una bevanda ottenuta dalla fermentazione di questi granuli nel latte fresco, intero o scremato, (latte vaccino, di pecora, capra o vacca), ricca di fermenti lattici e probiotici.
Il suo nome deriva dalla parola armena Keif cioè benessere.
Riequilibrante della flora batterica intestinale, favorisce la crescita delle difese immunitarie, antitumorale, ha proprietà antibiotiche e contiene molto acido folico.

Oltre ai fermenti, contiene minerali e aminoacidi essenziali biodisponibili che aiutano a mantenere lo stato di salute dell’organismo.
Contiene proteine ad alto valore biologico, triptofano un aminoacido che ha effetti sul sistema nervoso, calcio, magnesio, fosforo, vitamine B9, B12, B1 e K.
Ricco di Beta-galottosidasi quindi adatto anche a chi è intollerante al lattosio.
E’ un probiotico naturale di gran lunga superiore allo yogurt, fluido, cremoso, omogeneo e dalla gradevole consistenza, con un gusto leggermente acido e dolciastro.
I fermenti del Kefir sono adattabili e quindi utilizzabili anche per fermentare altri liquidi con contenuto di zuccheri come il latte di soia o di riso e l’acqua con l’aggiunta di zucchero, frutta o altri aromi.
Potete consumarlo puro o con l’aggiunta di miele, frutta fresca o sciroppata, cereali, cioccolato, caffè o in qualsiasi altro modo in base ai vostri gusti.
Dove si comprano i granuli di Kefir?
Il modo più semplice per reperirli è chiederli ad amici che già producono Kefir, saranno ben lieti di cedervi l’eccedenza dei granuli.

In alternativa potete trovarli nelle erboristerie o nei negozi di prodotti biologici.
E’ facile trovare anche sul web siti che li vendono online.

Cosa serve per prepararlo a casa

  • granuli di Kefir
  • latte fresco o pastorizzato freddo o a temperatura ambiente
  • 1 barattolo di vetro
  • 1 coperchio o una garza
  • 1 colino di plastica
  • 1 cucchiaio di plastica o di legno

Procedimento

E’ molto importante non utilizzare utensili metallici durante la manipolazione di colture viventi.
I barattoli devono essere di vetro ben lavati e asciutti.

Mettete i granuli di Kefir in un barattolo di vetro e aggiungete il latte che deve essere freddo o a temperatura ambiente.
Per ogni cucchiaio pieno di granuli (25 g) vanno usati 250 ml di latte.
Mescolate con un cucchiaio e coprite il barattolo ma non chiudetelo ermeticamente, altrimenti impedirete la fuoriuscita dei gas di fermentazione, al posto del tappo potete utilizzare una garza o un tovagliolo.
Riponete il barattolo a temperatura ambiente possibilmente al buoi, non in frigo.
Nelle 24 ore successive i granuli di Kefir inizieranno a far fermentare il latte e porteranno il siero a separarsi.
Mescolate il Kefir ogni 12 ore molto delicatamente.
Trascorse le 24 ore il Kefir è pronto per essere filtrato, potete a seconda del grado di cremosità che volete ottenere, tenerlo anche fino a 48 ore, non oltre, altrimenti diventa troppo acido.
Mescolate il Kefir coagulato con un cucchiaio in modo da amalgamare il latte con il suo siero e filtratelo con un colino in un baratto, nel quale conserverete poi il Kefir ottenuto.
Il Kefir ottenuto può essere conservato in frigo fino ad una settimana in un contenitore chiuso ermeticamente.
I granuli rimasti nel colino possono essere riposti nuovamente in un barattolo e aggiungendo la giusta dose di latte, il ciclo della fermentazione ricomincia.

I granuli di Kefir non hanno scadenza ma hanno bisogno di cure quotidiane, vivono solo in certe condizioni, sono fragili e possono morire con estrema facilità.
Se ben curati si riproducono molto in fretta, quindi per gestirne la produzione in eccesso, l’ideale è regalarli, mangiarli o congelarli.
I granuli non vanno mai lavati in acqua, se fossero troppo appiccicati o avessero bisogno di un lavaggio fatelo con del latte.
Attenzione i granuli son delicati, non rompeteli, non cercate di separarli, si riproducono formando prima dei piccoli pallini che poi crescono e tendono ad agglomerarsi tra loro, quindi, quando andate a filtrare il Kefir, usate un colino a maglia fine altrimenti i piccoli granuli appena nati passeranno attraverso le maglie e andranno persi.
La rimozione dei granuli in eccesso ha lo scopo di mantenere costante il sapore del Kefir.
Se volete sospendere temporaneamente la produzione di Kefir potete mettere i vostri granuli in frigorifero ricoprendoli con abbondante latte, in questo modo i granuli di Kefir rallentati dal freddo e con tanto latte a disposizione possono resistere per 10 giorni circa.
Per ricominciare, filtrate il latte, buttatelo e riprendete la procedura iniziale, fuori dal frigo naturalmente.
Se volete prolungare il tempo di conservazione dovrete congelarli, metteteli in un contenitore adatto alle basse temperature con poco latte, circa un bicchiere per un cucchiaio di granuli.
Mettete il contenitore in frigo per qualche ora senza coperchio, non appena si saranno congelati tappateli per bene, in questo modo potrete conservarli per circa 6 mesi.
Al momento della ripresa della produzione, scongelate i granuli a temperatura ambiente e ripartite come sempre.
Sicuramente il Kefir avrà bisogno di più tempo per poter ripartire alla grande.
Se vedete che i vostri granuli sono poco reattivi, potete dar loro nuova energia aggiungendo al solito latte 3 cucchiai di Kefir comprato che deve essere biologico e contenere solo latte e fermenti.
Cosi facendo il Kefir comprato ricco di probiotici aiuterà a colonizzare nuovamente i granuli, arricchendoli e dando loro nuova vitalità.
Potete fare questo procedimento una volta ogni 2/3 mesi per un paio di giorni consecutivi.

Kefir

Spero di essere stata chiara ed esaustiva, in ogni caso se avete dei dubbi lasciate un commento qui sotto, sarà mia premura rispondervi quanto prima.

Coralba

4 comments

  1. molto utile e bello questo blog..complimenti

    1. duecuorieunalasagna

      Grazie Alessandro, mi fa molto piacere che ti piaccia e al tempo stesso che lo trovi utile.
      Felice di averti tra i miei followers!

  2. minfiloincucina@gmail.com

    blog eccezionale e ogni giorno novita’ allettanti per il palato

    1. duecuorieunalasagna

      Grazie ragazzi, anche il vostro blog non scherza!
      Anzi per usare un espressione di mio fIglio … Il vostro Blog “Spacca di brutto”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *