Frittelle di Carnevale

Oggi Martedì Grasso, ultimo dei sette giorni grassi … CARNEVALE.
Periodo di festeggiamenti che precede il Mercoledì delle ceneri che segna l’inizio della Quaresima.
La tradizione voleva che in questa giornata venissero consumati tutti i cibi più prelibati rimasti in casa che durante la Quaresima non potevano essere mangiati.
E proprio per il fatto che in questo giorno, si consumavano cibi grassi che l’ultimo giorno di carnevale, è detto Martedì grasso.

Le Frittelle di Carnevale, sono, insieme ai Cenci, uno dei dolci tipici di questo periodo. Continue reading “Frittelle di Carnevale”

Cenci di Carnevale

La variante Toscana alle famose Chiacchiere di Carnevale sono i Cenci.

E chi se lo dimentica quel sapore di pasta friabile e zucchero a velo che si scioglie in bocca, facendoti sentire il profumo dell’arancio … Fritti rigorosamente fritti!

E da Fiorentina quale sono, non posso non ricordare una maschera a me cara.
Bello il mio Stenterello dal naso prominente, chiacchierone, pauroso ed impulsivo, ma allo stesso tempo saggio, ingegnoso e sempre pronto a schierarsi dalla parte dei più deboli.
Maschera rappresentativa del popolo fiorentino di bassa estrazione, il quale oppresso dalle avversità e dalle ingiustizie, ha in sè sempre la forza di ridere e scherzare.
Lo ricorda Firenze in ogni dove … Come la lapide di Luigi Del Buono in Ognissanti.
Lo ricorda L’Artusi  … nel suo libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”.

Lo ricorda ogni fiorentino nell’intercalare … “mangia, tu sei secco allampanato“.
Lo ricorda ogni bambino … “Nel vestito di Arlecchino” dove, Stenterello largo di mano, ci mise qualche macchia di vino toscano.

220px-Stenterello_disegno_originale_1800

Continue reading “Cenci di Carnevale”